Archive for dicembre 2014

L’utilizzo consapevole degli antibiotici per evitare problemi futuri!!

La resistenza agli antibiotici è divenuta un’emergenza di sanità pubblica, che determina aumento della spesa sanitaria,
allungamento dei tempi di degenza, fallimenti terapeutici e aumento della mortalità. Senza antibiotici efficaci, la medicina
moderna rischia di tornare indietro ad un’epoca pre-antibiotica, in cui le infezioni rappresentavano la prima causa di
morte ed interventi o terapie complesse erano impensabili.
Nella pratica odontoiatrica l’antibiotico è utilizzato nella terapia delle patologie infettive e nella profilassi dei pazienti
a rischio. Nella patologia vanno considerati il tipo, la sua sede, gli agenti eziologici responsabili. Altri fattori possono
influenzare l’efficacia della terapia e riguardano il paziente: l’efficienza del sistema immunitario potrebbe essere indebolito
a causa di una malattia o di una terapia con farmaci o radiazioni e non contribuire all’eradicazione dell’infezione.
Nella terapia antibiotica in odontostomatologia valgono, come in medicina, gli stessi criteri di scelta del farmaco e spetta
solo al dentista decidere se prescriverlo e quale molecola eventualmente prescrivere.
Da evitare assolutamente l’automedicazione: solo un dentista abilitato può stabilire, dopo averti visitato, se sia indicata
la terapia antibiotica.
Queste le regole da adottare sempre:
• Non cercare mai di acquistare antibiotici senza una prescrizione medica.
• Non conservare mai un antibiotico in vista di un suo uso futuro.
• Non assumere mai antibiotici avanzati da precedenti cure.
• Non condividere mai con altre persone antibiotici rimasti inutilizzati.
Gli antibiotici non utilizzati devono essere consegnati al farmacista per lo smaltimento.

Qual’è la causa principale della resistenza agli antibiotici?

La resistenza agli antibiotici è un fenomeno naturale
causato dalle mutazioni genetiche a cui vanno incontro
i batteri. Tuttavia un uso eccessivo e improprio degli
antibiotici accelera la comparsa e la diffusione dei
batteri resistenti agli antibiotici. I batteri sensibili
muoiono quando entrano in contatto con gli antibiotici
mentre i batteri resistenti sopravvivono e continuano a
moltiplicarsi. I batteri resistenti possono trasmettersi e
causare infezioni anche in altre persone che non hanno
fatto uso di antibiotici.

Cosa si intende per uso improprio?

Un antibiotico viene usato in modo improprio quando non serve: nella maggior parte dei casi
raffreddore e influenza sono causati da virus, ovvero da microrganismi contro i quali gli antibiotici non
sono efficaci. In questi casi l’uso di antibiotici non porta a nessun miglioramento: gli antibiotici non
riducono la febbre, non tolgono il dolore né fanno smettere di starnutire, ad esempio.

More