Archive for gennaio 2015

Vietato digrignare i denti, ma attenzione ai rimedi fai da te!!

Con il termine bruxismo si intende quel disturbo che porta a digrignare i denti, spesso durante la notte o in situazioni di particolare stress. Il bruxismo è considerata una para funzione, ovvero un movimento non finalizzato ad uno scopo e viene creato dalla contrazione della muscolatura masticatoria per 5-10 secondi a volta.
Il bruxismo può produrre alterazioni importanti sia ai denti che ai loro tessuti di supporto.
Pur non essendoci una terapia specifica per curare questa patologia per prevenire i danni si utilizzano dei dispositivi medici su misura chiamati bite. Apparecchi che si devono considerare con attenzione.
Se da una parte il bite è un insostituibile strumento a disposizione del dentista per curare una patologia, dall’altro può creare, se non adeguatamente realizzato ed adattato dal dentista, problemi di masticazioni anche irreversibili.
I bite possono essere indicati per diverse patologie quali: i disordini temporo-mandibolari, le parafunzioni (es. digrignamento dei denti), i dolori a livello dei muscoli elevatori della mandibola e del collo, il blocco articolare (locking) e le patologie degenerative artrosiche.
Queste condizioni possono essere presenti singolarmente, oppure variamente sovrapposte ed interconnesse fra loro, richiedendo un approccio multidisciplinare dell’odontoiatra-gnatologo, dell’ortodontista, del fisioterapista, dello psicologo, del protesista.
Considerando che un bite può curare una serie di patologie è fondamentale la diagnosi (clinica e strumentale) da parte del dentista. Una diagnosi scorretta o ancora peggio un utilizzo autonomo dei bite potrebbe modificare i sintomi rendendo più complessa la diagnosi: in taluni casi aggravare la patologia in atto o anche provocare l’insorgenza di patologie gengivali. Per queste ragioni si sconsigliano i pazienti dall’utilizzare soluzioni alternative fai da te, bensì a rivolgersi al proprio dentista di fiducia.

LO SAPEVI CHE…..

Se un otturazione è diventata scura può essere indice di infiltrazione o che abbia assorbito alimenti. In ogni caso è un segnale da non trascurare e necessità una imminente visita dal proprio dentista per verificare la situazione.

new dental

More

E se i tuoi dolori alla schiena e alla cervicale dipendessero dai denti?

Quando la mandibola funziona male o si ha l’abitudine di masticare solo da una parte,collo e schiena ne risentono.E per guarire serve l’aiuto del dentista.

Mal di testa,mal di schiena,collo che scricchiola,un dolore al braccio che non passa mai,sembra impossibile eppure tutti questi problemi,cosi comuni,possono dipendere dalla bocca.

Dagli ultimi studi eseguiti è stato verificato che se l’articolazione della mandibola funziona male o le arcate dentarie non sono bene a contatto(mal occlusione),digrignamento notturno,si verificano a cascata tensioni muscolari a livello cervicale e lombare ma anche dolori a braccia e gambe.

Se hai già fatto degli esami e le terapie tradizionali non ti hanno aiutato,chiedi aiuto al dentista.

 

New dental

More

Tutto ciò che devi sapere sui denti da latte!!

Tutto ciò che devi sapere sui denti da latte!!

Per evitare la caduta anticipata dei denti da latte è necessario prevenire il rischio che si manifesti la carie,un disturbo presente in circa il  22% dei bambini a 4 anni(40% a 6 anni).A questo scopo è opportuno seguire alcune regole. Dalla comparsa del primo dentino,dopo i pasti principali è consigliabile passare sopra l’intera arcata gengivale un dito avvolto in una garza sterile imbevuta d’acqua.Dopo i 12 mesi invece si può cominciare ad utilizzare lo spazzolino bagnato(in commercio ne esistono piccoli e morbidi appositamente studiati per i denti da latte).Molto importante è evitare il contatto prolungato tra zucchero e dentini in quanto favoriscono la formazione di batteri responsabili della carie.Importanti sono gli integratori di fluoro,al riguardo secondo le ultime linee guida per la prevenzione della salute orale in età evolutiva,è stata riconosciuta la maggior efficacia del fluoro ad azione locale(contenuto nel dentifricio e/o applicato dal dentista rispetto a quello normalmente somministrato dal pediatra tramite pastiglie o gocce)per cui è necessario lavare i denti al piccolo con un dentifricio fluorato sin dai 6 mesi di età.

La comparsa dei denti da latte

I denti da latte o decidui compaiono per primi e sono destinati a cadere per far posto a quelli permanenti a partire più o meno dal sesto anno di età.Le gemme di questi primi dentini risultano già presenti sotto le gengive del neonato essendosi formate a partire dal 6° mese di gravidanza,e la loro progressiva eruzione si completa indicativamente tra i 6 e i 30 mesi di vita.Al termine di tale processo i denti saranno 20,10 superiori e 10 inferiori.Il fatto però che debbano essere sostituiti non deve indurci a trascurarli,in quanto prevenire la caduta prematura è, in realtà,molto importante per favorire la regolare crescita dei denti permanenti.

new dental

More

I segreti per un sorriso smagliante!!

I segreti per un sorriso smagliante!!

Ognuno di noi tende a lavarsi i denti a modo suo,chi una volta al giorno,chi piu di tre volte al giorno,chi spazzola troppo e chi niente, il che rappresenta un errore.Per essere efficace lo spazzolamento deve avvenire seguendo regole precise;innanzitutto non basta scegliere un buon spazzolino,bisogna anche saperlo usare,il trucco è spazzolare dalla gengiva verso la punta del dente in senso verticale.Dopo ogni spazzolamento è possibile utilizzare un colluttorio di tipo commerciale,male non fà,tende a rinfrescare la bocca ma non è indispensabile.Esistono invece colluttori addizzionati con sostanze attive antinfiammatorie e contro l’accumulo di placca che vengono però prescritti dal dentista o dall’igienista in casi specifici.Ci sono ora in commercio anche gli spazzolini elettrici che a parità di tempo rimuovono sicuramente più placca,è importante però utilizzarli con testine a setole medie e arrotondate.Sarebbe inoltre consigliabile utilizzare la sera il filo interdentale per pulire gli spazi tra dente e dente dove non è possibile arrivare con lo spazzolino.Quale dentifricio usare?Ad oggi tutti i dentifrici vanno bene,un po’ meno quelli che promettono un effetto sbiancante in quanto non fanno miracoli,la vera smacchiatura si ottiene solo con la pulizia professionale dal dentista.Lo spazzolamento non deve mai durare meno di 2 minuti,facendo particolare attenzione a quello della sera.

new dental

More