Notizie utili

Ortodonzia intercettiva: quando mettere l’apparecchio ai bambini?

Ortodonzia intercettiva: quando mettere l’apparecchio ai bambini?

Perché è importante curare i denti dei bambini in tenera età

L’ortodonzia intercettiva prevede trattamenti intrapresi in età precoce finalizzati a rimuovere i fattori responsabili delle malocclusioni dentarie. È molto importante quindi intervenire sulla bocca del bambino quando ha ancora i denti da latte, questo per preparare il suo palato per le nuove arcate dentarie, che si mostreranno dopo che i dentini decidui saranno caduti.

Cos’è l’ortodonzia intercettiva

Esistono alcune malformazioni delle ossa mascellari e anomalie degli elementi dentali (malocclusioni) che hanno bisogno di essere corrette attraverso l’uso dell’apparecchio mobile e/o apparecchio fisso. È necessario intercettarle e trattarle efficacemente perché possono portare disturbi respiratori, masticatori, fonatori, posturali, e quindi danneggiare l’estetica e la funzione generale del sorriso e del viso.

La fase intercettiva è mirata alla correzione, tramite l’ausilio di un apparecchio mobile, dei rapporti fra le basi ossee. Per ottenere questi risultati, si utilizzano apparecchiature già a partire dall’età prescolare, nel caso in cui la malposizione lo richieda.

Newdental_dicembre_NEWS2

 

Quando mettere l’apparecchio ai bambini

Il percorso della bocca di un bambino è soggettivo, non c’è un giorno preciso in cui iniziano a cadere i denti da latte; per capire se e quando mettere l’apparecchio ai bambini è consigliabile portare il piccolo paziente a fare una prima visita verso la fine dei 5 anni. Il trattamento ortodontico inizia intorno ai 6 anni, quando i denti da latte iniziano a lasciare il posto ai denti permanenti e termina intorno ai 12 anni, quando i denti decidui sono completamente caduti.

Ci sono dei casi in cui ha senso consigliare l’uso dell’apparecchio anche a bambini di 4 anni, perché prima si interviene meglio è, in termini di efficacia (maggiore) e durata (ridotta) dell’intervento.

I regolari controlli dal dentista pediatrico sono comunque importanti proprio per intercettare tempestivamente eventuali problemi ed intervenire di conseguenza.

 

Che tipo di apparecchio viene usato

Una volta capito quando mettere l’apparecchio ai bambini, si procede al trattamento vero e proprio: generalmente si procede con una terapia ad apparecchio mobile, direttamente sui denti decidui, per sistemare quelle che potrebbero trasformarsi in malocclusioni dentarie dei denti permanenti.

Nella maggior parte dei casi, l’utilizzo dell’apparecchio rimovibile su denti decidui non elimina la necessità di una successiva terapia ortodontica con apparecchio fisso, tuttavia può ridurne notevolmente la durata e aiutare a ottenere un migliore risultato estetico e funzionale.

L’apparecchio mobile può essere tolto autonomamente dal paziente durante i pasti e per le operazioni di pulizia ordinarie, ma per ottenere i risultati sperati è necessario indossarlo dalle 14 alle 18 ore al giorno.

 

More

Come superare la paura del dentista? la risposta è la sedazione cosciente

Come superare la paura del dentista? la risposta è la sedazione cosciente

Circa il 70% dei pazienti ha timore o addirittura sviluppa una vera e propria ansia quando si tratta di andare dal dentista. Le visite dentistiche e gli interventi prevengono patologie che, se lasciate da parte, possono portare a situazioni molto più gravi, ma come superare la paura del dentista?  Il nostro studio si è attrezzato per affrontare questo ostacolo: oggi grazie alla sedazione cosciente potrai vincere la paura del dentista, scopri come funziona.

Contattaci per maggiori informazioni

La Sedazione Cosciente è una tecnica innovativa in grado di mantenere il paziente in uno stato di rilassatezza e ridotta percezione del dolore: una pratica controllata, sicura ed efficace che permette di superare lo stress odontoiatrico per il dentista e per il paziente che sarà collaborativo e perfettamente a suo agio. La tecnica funziona con una miscela ad alto contenuto di ossigeno e protossido d’azoto, che grazie ai suoi effetti ansiolitici, sedativi, miorilassanti e analgesici libera i pazienti che soffrono di stati di ansia o che devono sottoporsi ad interventi particolarmente fastidiosi. Vengono monitorati costantemente i parametri di frequenza cardiaca, pressione, respirazione e ossigeno e viene anche controllata la risposta del paziente agli stimoli per verificarne il livello di coscienza. L’inalazione del protossido non comporta alcuna restrizione fisica: dopo il trattamento il paziente può lasciare lo studio medico da solo e riprendere la sua routine quotidiana.

La sedazione cosciente è adatta anche ai bambini?

La sedazione dal dentista per i bambini può sembrare un passo ”azzardato” o troppo invasivo, ma non è così, anzi, grazie alla sua sicurezza il trattamento viene consigliato soprattutto ai pazienti più piccoli per aiutarli a superare la paura del dentista già dalla tenera età, La sedazione cosciente in odontoiatria per i bambini è adatta davvero a tutti dai 2 ai 14 anni. Il protocollo per la sedazione è differente da quello per gli adulti: i farmaci sono somministrati in base al peso del bambino quindi si adattano ad ogni età e la durata dell’intervento è minore ed è più rapida per non stressare troppo il bambino.

Sedazione-Cosciente_2-news

La sedazione cosciente permette al tuo bambino di superare la paura del dentista:

  • Riuscire a stare più tempo fermo, e a suo agio, sulla poltrona del dentista;
  • Riuscire a stare a bocca aperta senza sentire fastidio;
  • Diminuire i dolori e aumentare la sua resistenza;
  • Eliminare la paura e l’ansia di ogni operazione;
  • Agevolare le operazioni del dentista per una migliore riuscita del trattamento.

Prenota ora una visita per te e il tuo bambino e saluta finalmente la paura del dentista!

 

More

Invisalign, l’apparecchio invisibile che si adatta ai ritmi della tua vita

Invisalign, l’apparecchio invisibile che si adatta ai ritmi della tua vita

Detesti l’idea di dover mettere l’apparecchio? Hai mai pensato all’alternativa invisibile?
Scopri i vantaggi di questa tecnica innovativa, l’unica che si adatta davvero ai ritmi della tua vita!

L’apparecchio invisibile funziona davvero? Cosa lo differenzia da quello tradizionale? E quali difetti di masticazione può risolvere?
L’ortodonzia invisibile ha fatto, nel tempo, molteplici passi in avanti e attualmente può ovviare a numerosi problemi di disallineamento, anche molto gravi. Gli scettici, però, sono ancora molti: normalmente, si pensa alle mascherine trasparenti come rimedio per leggeri casi di spostamento dentale.
Abbiamo pensato quindi di riassumere le problematiche che si possono risolvere scegliendo Invisalign per farti capire se questo risulta essere il trattamento più adatto alle tue esigenze.

Cos’è INVISALIGN


Prima di cominciare a elencare le situazioni di disallineamento che si possono trattare con Invisalign è utile capire cos’è e come funziona.
Invisalign è una tecnica ortodontica che consente l’allineamento dei denti in modo quasi invisibile. Avvalendosi di una tecnologia di imaging digitale 3D, può mostrare il piano di trattamento completo, dalla posizione iniziale dei denti fino a quella finale desiderata. In seguito, viene realizzata una serie di aligner personalizzati in base al sorriso di partenza, per il relativo spostamento graduale. 

Ciascun aligner viene indossato per circa due settimane prima della sostituzione con la serie successiva, finché non si raggiunge la posizione finale stabilita. I tempi di trattamento variano in base alle esigenze specifiche e vengono determinati dal dentista.

I vantaggi di Invisalign

Questo trattamento di ortodonzia presenta grandi vantaggi rispetto ai classici ferretti:

È trasparente quindi più estetico.
-È personalizzato in base alle caratteristiche e alle necessità.
È comodo e sicuro.
È rimovibile, migliorando l’igiene e quindi la salute.
Riduce il rischio di carie rispetto ad altri apparecchi dentali.

Apparecchio invisibile: che problemi può risolvere?


Dalla disposizione dei denti all’allineamento delle arcate, le mascherine trasparenti sono in grado di donare un sorriso bello e sano.
Ogni trattamento, e ogni mascherina, sono unici e progettati direttamente per il paziente. In questo modo ognuno troverà la soluzione al suo problema.
Grazie alla sua tecnologia avanzata, Invisalign è in grado di trattare un’ampia gamma di problemi dentali e ortodontici, a partire da movimenti dentali di lieve entità fino a casi più complessi. Tra questi:

la disposizione dentale: sia nel caso di affollamento dentale, quando cioè lo spazio disponibile nell’arcata non è sufficiente per alloggiare tutti i denti in modo adeguato e questi si sovrappongono, sia nel caso opposto di eccessivo spazio a disposizione nell’arcata, quando tra i denti compare una spaziatura eccessiva (diastemi)

la disposizione delle arcate: nel caso in cui le arcate, superiore e inferiore siano disallineate e uno o più denti superiori “contattino” nella parte interna dei denti inferiori (morso crociato).

-anche nel caso di morso profondo o morso inverso, gli aligner Invisalign possono risolvere il problema riportando le arcate alla giusta posizione.


Pensi che il tuo problema rientri tra questi? Vuoi parlare con un nostro specialista Invisalign?
Contattaci allo 0371 410692. Saremo felici di rispondere a tutte le tue domande!

More

Implantologia computer guidata: cos’è e quali vantaggi offre

Implantologia computer guidata: cos’è e quali vantaggi offre

Secondo i dati AIOP pubblicati alla fine del 2016 a quasi il 70% degli italiani sopra i 44 anni manca almeno un dente. La situazione si aggrava notevolmente con l’avanzare dell’età e raggiunge l’edentulia totale in circa l’8% della popolazione. Riabilitare la masticazione è oggi possibile grazie agli impianti dentali. Ma le tecniche implantologiche non sono tutte uguali come può apparire a prima vista.

La riabilitazione orale tramite impianti dentali deve prevedere, oltre a un buon risultato in termini di funzionalità (masticazione e fonazione), anche un risultato estetico soddisfacente. Questi obiettivi sono raggiungibili con un’accurata progettazione e un ottimale posizionamento dell’impianto.

La chirurgia computer guidata
Intorno alla metà degli anni novanta, la chirurgia implantare computerizzata guidata ha rapidamente preso piede e guadagnato popolarità. Grazie a un programma specifico computerizzato si studiano e si progettano le posizioni precise in cui verranno inseriti gli impianti nell’osso. Esami preventivi mostreranno lo spessore di osso e la conformazione delle gengive.
Sarà possibile quindi scegliere le posizioni in cui verranno inseriti gli impianti valutando tutti gli aspetti e i rischi dell’operazione.
Dopo aver progettato l’operazione di inserimento degli impianti si procederà con la realizzazione della maschera chirurgica che, indossata dal paziente durante l’operazione, permetterà di replicare le posizioni degli impianti da inserire nelle ossa mascellari.
In molti casi non c’è nemmeno bisogno di tagliare e scollare le gengive. Proprio perché il posizionamento degli impianti viene progettato virtualmente sulla TAC, l’implantologia computer guidata è molto più sicura e riduce al minimo il rischio di danneggiare vasi sanguigni e nervi.

I vantaggi dell’implantologia computer guidata
Grazie a queste metodiche computerizzate l’implantologo può giovarsi di un maggior quantitativo di informazioni pre-operatorie, e maggiore precisione nella pianificazione.

I vantaggi quindi saranno:
· inserimento degli impianti senza tagliare né scollare le gengive

· inserimento degli impianti senza ricostruire l’osso

· diminuzione dei tempi chirurgici

· diminuzione del dolore e del gonfiore post-operatorio

· diminuzione del sanguinamento intra e post-operatorio.

Uno dei vantaggi indiscutibili della chirurgia implantare guidata è quindi la mininvasività, in quanto è possibile ridurre i tagli o addirittura evitarli, permettendo la massima conservazione delle papille peri-implantari, e la riduzione delle recessioni delle mucose. Per queste sue caratteristiche questo trattamento è, non solo adatto, ma anche consigliato per i pazienti che hanno problemi di coagulo del sangue.

Per maggiori informazioni, contattaci allo 0371 410692.

More

Post operatorio impianti dentali: i nostri consigli

Post operatorio impianti dentali: i nostri consigli

Hai appena svolto un intervento di chirurgia implantare e, come per tutti gli interventi chirurgici, il periodo post-operatorio rappresenta un momento delicato e importante dell’intero processo di guarigione. Come trascorrere quindi il periodo post-operatorio in maniera serena? Non è necessario privarsi di tutti i piaceri della tavola, soprattutto perché le moderne tecniche implantologiche limitano fin da subito dolore, tagli e sanguinamento. Qualche piccola accortezza comunque va sempre presa per non inficiare il lavoro del chirurgo.

Cosa mangiare dopo un intervento di implantologia dentale
Il danno più grave che un impianto può subire è quello legato ai traumi causati dalla masticazione di cibi duri. L’impianto, infatti, necessita di un periodo di adattamento (osteointegrazione) nell’osso e, se subisci un trauma, la stabilità dell’impianto può venir meno e compromettere il risultato finale. La prima regola da osservare riguarda, quindi, l’alimentazione: evita i cibi duri, che richiedono una masticazione “impegnativa”, o quelli che si potrebbero infilare tra i denti. Anche cibi eccessivamente caldi non dovrebbero essere assunti perché il calore è in grado di stimolare l’emorragia.

Nei primissimi giorni dopo l’intervento ti consigliamo quindi alimenti morbidi. Qualche esempio? Formaggi freschi e cremosi, yogurt, gelati, vellutate, passati di verdura o legumi, del buon pesce al vapore… Tutto però rigorosamente tiepido o freddo.
Pian piano puoi cominciare a reintegrare la tua dieta con cibi via via sempre più duri.

Fare attività fisica dopo un impianto.
Per la prima settimana è sconsigliata qualsiasi attività fisica in grado di aumentare la pressione arteriosa e quindi favorire il sanguinamento dalla ferita. Sarà comunque sufficiente una settimana per tornare alla vita attiva normale, anche se con qualche precauzione in più in caso di sport che presuppongono un rischio di trauma al viso. Come consiglio puoi mettere un cerotto evidente sul mento in modo da ricordare a tutti della zona delicata.

Come tenere pulito un impianto dentale.
Fino alla rimozione dei punti, per tenere pulita la zona operata sarà sufficiente utilizzare solo il collutorio e spazzolare i denti adiacenti o la protesi solo nella loro parte “masticante”, senza utilizzare filo o scovolino.
Dopo la rimozione dei punti, invece, si potrà ricominciare a usare lo spazzolino in modo completo ed il filo interdentale.

Un’ultima raccomandazione. Pipa, sigaro o bastoncini di liquirizia determinano un sovraccarico sugli impianti e sono quindi da evitare accuratamente. Il fumo è da ridurre al minimo perché produce un effetto negativo sulla guarigione delle ferite.

More

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. maggiori informazioni

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi